PALCOSCENICO IN CAMPANIA.it

Spettacoli - Eventi Culturali - Recensioni - Interviste

INFO@PALCOSCENICOINCAMPANIA.IT

a cura di MARIA RICCA, giornalista*

PARLIAMO DI...

25/05/13

BENEVENTO - "AMOTE" (Amorosi Teatro Festival), quarta edizione nel segno della follia, dal 6 al 15 luglio 2013

Si annuncia la quarta edizione di AMOTE (Amorosi teatro festival), dal 6 al 15 luglio 2013, ad Amorosi,  confermando i cortili come scenario privilegiato del festival per non rinunciare al rituale contesto che ormai da quattro anni caratterizza il teatro dell’impegno civile di Amorosi in provincia di Benevento. La sinergia è la cifra dell’edizione 2013 che mette in comune esperienze diverse e affini allo stesso tempo; il festival AMOTE, promosso dal comune di Amorosi, incrocia nel suo percorso d’impegno civile, culturale e teatrale un’esperienza di grande spessore: "Tuttipazzixilteatro", costretto ad autosospendersi per un’edizione (2012). Concentrando l’attenzione sulle storie di amore e libertà, il festival AMOTE 2013 darà allora spazio al teatro che racconta la malattia mentale, mettendo in scena le performance di tre compagnie integrate, selezionate dal bando ("Tuttipazzixilteatro 2012") e portatrici del messaggio della diversità.
Il tema della diversità non poteva essere meglio interpretato: confrontandosi con un altro festival, condividendo un percorso di ricerca e d’impegno civile, valorizzando la relazione, radice dell’esperienza teatrale. Un festival che si relaziona con un altro e rimodula la propria identità per favorire una nuova dimensione, promette senz’altro cose interessanti: gli spazi teatrali infatti diventano due: il Cortile Cioffi di Amorosi e il Cortile del Castello Baronale di Puglianello; i cortili del festival diventano quattro perché il percorso includerà anche il Cortile Pontillo e il Cortile De Capua di Amorosi; le serate diventano sette; ci sarà anche una rassegna di film etnografici in collaborazione con Intimalens festival; infine tre mostre fotografiche e una serata evento con un artista che da sempre racconta storie di libertà e d’amore. Tante belle e stimolanti promesse per la nostra Valle che speriamo risponda all’invito come in passato e raccolga la sfida teatrale e culturale lanciata dal festival.