PALCOSCENICO IN CAMPANIA.it

Spettacoli - Eventi Culturali - Recensioni - Interviste

INFO@PALCOSCENICOINCAMPANIA.IT

a cura di MARIA RICCA, giornalista*

PARLIAMO DI...

25/08/13

BENEVENTO CITTA' SPETTACOLO - Tutte le "prime" teatrali in programma

Benedetto Casillo in una scena di "Sik Sik, l'artefice magico"

L'omaggio del Festival ad Eduardo


Prime foto e prime informazioni ufficiali, dopo le anticipazioni dei mesi scorsi ed un profilo Facebook tutto dedicato alla rassegna, sulla ventiquattresima edizione di "Benevento Città Spettacolo", anno 2013, sul tema "Storie amare e d'amore", ancora sotto la direzione artistica di Giulio Baffi. Tre, com'è noto, i finesettimana impegnati dal Festival, tra il 6 e il 22 settembre, con teatro, musica, opera lirica, incontri, mostre, performance, proiezioni.Ecco le prime nazionali in scena. Tra i debutti nazionali si segnalano: "SIK SIK, L’ARTEFICE MAGICO", nella riscrittura messa in scena da Eduardo De Filippo  nel 1979 e mai più rappresentata. Breve atto unico scritto da Eduardo nel 1929, fu l’ultimo spettacolo da lui ampliato ed interpretato 50 anni dopo. Il grande artista lo portò in scena al Teatro San Ferdinando di Napoli e Giulio Baffi, allora direttore del teatro, ne ha conservato la preziosa registrazione, sino ad oggi inedita, affidandola, con il consenso di Luca De Filippo, alla regia di Pierpaolo Sepe ed all'interpretazione di Benedetto Casillo. L'edizione datata 1929 è andata in scena al Napoli Teatro Festival per il "Progetto i de Sik-Sik", quella del 1979 sarà in "prima nazionale" a Benevento il 7 e 8 settembre al Teatro De Simone.

Ed il tributo di Città Spettacolo a Eduardo continua con "IL CONTRATTO", messo in scena per la regia di Pino Carbone e con Claudio Di Palma protagonista.
"IL SOGNO DI UNA COSA", teatro canzone su Luigi Tenco, testo e regia di Giuseppe Cerrone, con Monica Pinto e Luca Di Tommaso (Arco del Sacramento, 7 settembre, prima nazionale). Monica Pinto dà voce e corpo a Luigi Tenco. Luca Di Tommaso il critico antagonista. Uno spettacolo "povero di dati e di informazioni, ma ricco di suggestioni". Una testimonianza su un progetto che "se non fosse morto allora, forse Luigi avrebbe realizzato, quello di un disco che attingesse al patrimonio popolare".

"IL GARAGE" di Marco Zannoni, diretto e interpretato da Lello Serao.
"L’individuo con le regole, l’individuo contro le regole".                                               
Una riunione di condominio in uno stabile borghese. Il casus: lo stupro di una ragazzina. Ciò che emerge da parte di tutti è la necessità di una soluzione che non intacchi lo status e preservi da indagini ulteriori (Mulino Pacifico, 7 settembre, prima nazionale).
"MORTACCIA. LA VITA E’ MERAVIGLIOSA", testo e regia di Giovanna Gra, con Veronica Pivetti. Uno spettacolo musicale, dalle tinte gotiche e irriverenti, con punte di comicità ai confini con l’impegno, una prova d’attore per la protagonista che passa dalla denuncia alla commozione allo sberleffo. Il tema tabù della morte sul quale ‘si può davvero ridere?’ (Arco del Sacramento, 13 settembre, prima nazionale).
"MANGIARE E BERE, LETAME E MORTE" che Davide Jodice ha pensato e costruito per la personalità e la coreografia di Alessandra Fabbri (Teatro De Simone, 14 settembre) in un appassionante percorso della memoria.
"Mangiare e bere"
E ancora "O’Thiasos Teatro Natura" di Sista Bramini con "MITI DI STELLE", uno spettacolo in cui mito, musica, recitazione e ambiente si incontrano (Hortus Conclusus, 7 settembre); un esilarante Gianluca Ramazzotti con il suo divertente ed impertinente "corso superiore di sessuologia maschile" in "CHE CO’ SEX?" tradotto e adattato dal celeberrimo Talking cock di Richard Herring (Mulino Pacifico, 8 settembre), "ATRIDI / METAMORFOSI DEL RITO", regia di Giorgia Cerruti per la Piccola Compagnia della Magnolia, in collaborazione con Europe & Cies/Festival Printemps d’Europe di Lione, Compagnia Sargantana di Barcelona e l'Academia Teatro di Chelyabinsk – Russia (Mulino Pacifico, 13 settembre). L’improvvisazione portata all’estremo va in scena con "A.R.E.M. Agenzia Recupero Eventi Mancanti" della Compagnia Elena Vanni, che coinvolge il pubblico nella costruzione dello spettacolo (Arco del Sacramento, 8 settembre). "SOGNO D'AMORE UBRIACO", studio su “Otello, una storia d'amore” porterà a Città Spettacolo (Mulino Pacifico, 15 settembre) la rilettura del celebre classico shakespeariano  nelle "giovanile" riscrittura di Angelo Campolo. Lo spettacolo vincitore del “Premio Scintille” del Festival Asti Teatro/35, va in scena in "prima nazionale" nel suo secondo segmento di studio. "MatriMoro", una ricerca teatrale di Manovalanza a cura di Davide Scognamiglio e per la regia di Adriana Follieri sarà all'Arco del Sacramento il 15 settembre.
Coinvolgimento di spettatori e gran divertimento anche nel nuovo allestimento di "D.A.P. Dignità Autonome di Prostituzione", con l'originale ed irriverente allestimento di "NELLA, CANZONI E RICORDI DI PROSTITUTE LIBERE E ONESTE", dal format di Betta Cianchini e Luciano Melchionna, a cui sabato 14 il Teatro Romano offrirà una straordinaria cornice scenografica.