PALCOSCENICO IN CAMPANIA.it

Spettacoli - Eventi Culturali - Recensioni - Interviste

INFO@PALCOSCENICOINCAMPANIA.IT

a cura di MARIA RICCA, giornalista*

PARLIAMO DI...

12/04/14

S. MARIA CAPUA A VETERE - "Sangue e Arena". Visite guidate e spettacolo sui gladiatori, da martedì 6 a venerdì 9 maggio

L' Anfiteatro Campano di Santa Maria Capua Vetere ospiterà martedì 6, alle 11.30,  mercoledì 7, giovedì 8, venerdì 9 maggio, ore 9.30 e 11.30,  lo spettacolo  "SANGUE E ARENA", con messa in scena di  Fabio Cocifoglia , interpretazione di Enzo Musicò e consulenza artistica di  Maria Laura Chiacchio. Sarà possibile effettuare una visita con spettacolo. Si parte dalla conoscenza de " I gladiatori – I diritti umani".  Nei meandri dell’anfiteatro, per decenni scenario di combattimenti fra uomini e belve feroci, un personaggio senza tempo, un saggio erborista, forse discendente di Spartaco, racconterà le gesta e le sofferenze dei gladiatori.
Le vicende di Spartaco, il più famoso dei gladiatori, passato alla storia per la rivolta da lui capeggiata, e di Androclo, con il suo leone, per finire con quelle di Iqbal Masih, simbolo della schiavitù di oggi, coinvolgeranno emotivamente i partecipanti, ma soprattutto proporranno una riflessione sui Diritti dell’Uomo, spesso disattesi anche in epoca moderna. L' Anfiteatro Campano di Santa Maria Capua Vetere, che li ospitava, è secondo per dimensioni solo al Colosseo.

L'arena appare ancora ben conservata. La cavea poteva ospitare ben 40.000 spettatori, era distinta in tre ordini in cui trovavano sistemazione rispettivamente il popolino in alto, le persone più distinte al centro, i tribuni insieme a senatori, magistrati e cavalieri in basso. Anche alle donne era riservata una collocazione in una loggia detta cathedra. Restano ancora visibili anche i vomitori, dai quali uscivano ed entravano gli spettatori, lateralmente ricoperti da pannelli a bassorilievi raffiguranti animali, scene sacrificali o imprese di Ercole. In posizione centrale, in basso, era situato il podio, riservato alle autorità.
I sotterranei, cui si accede attraverso delle scalette, servivano da spogliatoi e depositi. Costituiti da dieci corridoi comunicanti, erano dotati anche di una vasta cloaca a croce per lo scolo delle acque. Sul lato settentrionale, inoltre, è possibile rintracciare la presenza di un piccolo vano - in chiara asimmetria rispetto al lato opposto- che avrebbe ospitato una cappellina, nella quale si rifugiavano i primi Cristiani per sfuggire alle persecuzioni. Sulla parete sinistra, si rinvengono tuttora tracce - peraltro estremamente esigue - di un affresco, forse raffigurante un Santo. Il complesso archeologico si completa del Museo dei Gladiatori.