PALCOSCENICO IN CAMPANIA.it

Spettacoli - Eventi Culturali - Recensioni - Interviste

INFO@PALCOSCENICOINCAMPANIA.IT

a cura di MARIA RICCA, giornalista*

PARLIAMO DI...

13/06/14

BENEVENTO - "Festa Europea della Musica", il 21 e 22 giugno:la presentazione oggi

di Maria Ricca

“Festa europea della Musica” anche a Benevento, il prossimo 21 e 22 giugno. La firma è del Conservatorio Statale cittadino, che, di concerto con la Prefettura, la Curia e il Comune, impegna i propri migliori giovani talenti nell’interpretazione dei più vari generi musicali.
La novità più bella è l’opportunità, per cittadini e musicisti, di essere ospitati nel cortile della Prefettura per quella parte delle esecuzioni che riguarda il genere jazz,  grazie a quelle “porte aperte” alla città, come è nel nuovo corso deciso dalla dott.ssa Paola Galeone, da poco al vertice del palazzo del Governo, nel segno dell’accoglienza e della disponibilità ad iniziative di qualità e alla possibilità che il pubblico ne fruisca opportunamente.  Esigenza espressa in  sede di presentazione dell’iniziativa, al Palazzo del Governo, come ha ribadito la stessa dott.ssa Galeone.
Monsignor Pompilio Cristino, vicario pastorale della Curia, ha ricordato la disponibilità della Chiesa beneventana  a supportare l’iniziativa, nell’ottica dell’apertura all’arte e alla cultura come espressione più elevata dell’animo umano.
Fortissimo il legame tra il Conservatorio e il Comune, ha poi ribadito l’Assessore comunale alla Cultura del Vecchio, tant’è che sono anni che la prima serata di Città Spettacolo è affidata all’Istituto Musicale, come sarà anche per il 2014, con la proposizione di una serata jazz.
Quindi l’intervento del Presidente del Conservatorio, Caterina Meglio, che ha posto l’accento su come questa “Festa Europea della Musica” sia davvero la festa degli allievi, poiché lo sprone all’impegno in  tal senso è venuto proprio dalla Consulta degli studenti, sotto la regia del Direttore Maria Gabriella Della Sala. Insomma, una  splendida operazione didattica, frutto delle eccellenze del nostro territorio,  a cui noi, ha continuato la Meglio “diamo sostegno economico ed amministrativo.”
Infine, appunto la Della Sala, che ha presentato il programma dell’iniziativa: “La manifestazione, itinerante, coordinata dal M° D’Ovidio, toccherà il centro storico, la prefettura, appunto, e poi il Chiostro di S. Sofia, gli spazi presso il bar Le Trou e il bar Chiostro, poi la Galleria Bosco Lucarelli, il Conservatorio, naturalmente, e la Corte De Simone. Grande novità sarà il coinvolgimento del Rione Libertà, presso la Chiesa della SS. Addolorata, perché la musica faccia da collante sociale per tutti i giovani della città e li coinvolga tutti, com’è giusto che sia , nella condivisione di un’esperienza di grande crescita, nel segno della valorizzazione dei contenuti umani e sociali dell’iniziativa. Giacché del resto sono stati proprio i giovani, che nel nuovo ordinamento del Conservatorio, sono diventati  parte attiva nella Consulta degli studenti e nelle assemblee, a volere con forza questa partecipazione alla “Festa europea della Musica”,anche nell’ottica dell’autopromozione, con uno stimolo che è arma vincente.

Per agevolare la fruizione degli eventi verranno distribuite delle piantine, con le location di tutte le esibizioni, che andranno avanti dalle 10 alle 24 del 21 e del 22 giugno, e svolgendosi di sabato e domenica , godranno anche di un maggior ritorno di interesse.