PALCOSCENICO IN CAMPANIA.it



INFO@PALCOSCENICOINCAMPANIA.IT

a cura di MARIA RICCA, giornalista*

PARLIAMO DI...

18/09/14

BENEVENTO - Ultimo fine settimana di Città Spettacolo, con Gianluca Guidi, Maura Minicozzi, Carmen Castiello, Mariella De Libero e Peppe Fonzo

Ultimo week end di grandi appuntamenti del XXXV Festival Città Spettacolo di Benevento, tra teatro, danza, musica leggera e classica, arte, sperimentazione, dibattito. Venerdì, sabato e domenica, alle ore 16.30, appuntamento alla Cattedrale per “Raccontami Benevento”, con una nuova performance ispirata alla storia della città e dei suoi abitanti. Si propone “San Gennaro” di Rosario Sparno con Loredana Piedimonte. Si racconta come, una mattina dell’anno 831, il duca Sicone, principe di Benevento, vada a Napoli, prenda le ossa di San Gennaro dalle catacombe di Capodimonte e le porti a Benevento… Al termine della performance ci sarà una breve visita alla Cripta della Cattedrale. Nuove repliche di “Do not disturb” alla ricerca di una nuova verità scenica con le stanze d’albergo che diventano palcoscenici. Gli appuntamenti sono venerdi, alle ore 18.00, all’UNA Hotel, sabato e domenica, alle ore 17.00, all’Hotel Villa Traiano. Venerdì 19, alle ore 20.00, al Teatro De Simone, va in scena, in prima nazionale assoluta, “Onora il padre” scritto e diretto da Giuseppe Miale di Mauro, con Nicola Di Pinto, Tina Femiano, Gennaro Maresca, Fabiana Martone, Peppe Miale, Lorenza Sorino, Ricordi e tormenti “di famiglia”. Per una commedia che “prova a spalancare una delle tante porte dietro le quali si nascondono orrori, disagi profondi che riguardano uomini e donne apparentemente normali”. Un destino che pare non lasciare alcuna via di scampo, in cui le vittime sembrano non conoscere altro mondo all’infuori di quello immorale della propria famiglia Sempre venerdì, alle ore 21.30, all’Arco del Sacramento si propone “Omnia vincit amor” di e con Maura Minicozzi e la Compagnia Balletto di Benevento diretta da Carmen Castiello. Un “canto/controcanto” per voce recitante, voce cantate e corpo di ballo per un percorso tra le canzoni più belle di un’epoca, ideato per analizzare il “ventennio” con il desiderio di confrontarsi criticamente con gli ultimi anni della storia italiana. La regia è di Mariella De Libero.Sabato 20 settembre, alle ore 19.00, un One man show al Teatro De Simone di Gianluca Guidi in “Oscar” di Masolino d’Amico. La vita di Oscar Wilde “in prima persona” che è la storia dell’uomo dall'intelletto sopraffino, del dandy e del suo “British sense of wit” che lo rese immortale, della sua sofferenza, dell'intolleranza che discrimina, dell'ipocrisia del mondo che lo circondava. 
Al Teatro romano, sempre sabato, alle ore 21.30, il concerto di Chiara Civello intitolato “Canzoni” come il suo ultimo album di successo, con una serie di canzoni, dagli anni ’60 ad oggi, che l’hanno segnata, coinvolta. Con un occhio al passato ed uno al futuro dell’Italia. 
A Palazzo Paolo V, sabato, alle ore 22.30, si tiene la premiazione di Videovarietà, il concorso-evento che ha visto impegnati i giovani videomaker che hanno realizzato spot ispirati al tema scelto per la nuova edizione di Città Spettacolo. 
Domenica 21 settembre, alle ore 20,00, al Teatro Romano è in programma il Concerto sinfonico dell'Orchestra del Conservatorio Statale Nicola Sala di Benevento. Direttore M° Francesco Ivan Ciampa. Alle ore 21,00, all’ Arco del Sacramento si rappresenta “L’infinita ombra del vero”, con gli utenti attori dell' UOCSM (responsabile: dott. Lucio Luciani) di Benevento. Un attraversamento teatrale dell’esperienza più intima e misteriosa che ogni essere umano porta dentro se: “il sogno onirico”. Un disegno ambizioso che assume una tensione maggiore se gli attori in scena sono gli utenti del Centro di Salute Mentale di Benevento che ha messo a disposizione le proprie strutture ed il personale per produrre questo progetto. La drammaturgia e la regia sono di Peppe Fonzo. 

Spettacolo a ingresso libero è “Little Nemo-danza verticale”, in programma domenica 21, alle ore 22.00, a Palazzo Paolo V. Con le coreografie di Wanda Moretti, le musiche al sax e live electronics di Marco Castelli ed i “wall dancers” Elena Annovi e Simona Forlani. Ispirato ai lavori del Tintoretto ed ai disegni di Windsor McCay. Come avviene nei dipinti o nei sogni, tutto accade nello stesso tempo e spazio. Non ci sono quinte né backstage, tutto è di fronte al pubblico, i performers danzano sull’architettura e la musica pervade lo spazio intorno. Non solo spettacolo al “Festival Città Spettacolo” di Benevento che prevede due giornate di studio a cura del Centro Napoletano di Psicoanalisi e della Società Psicoanalitica Italiana sul tema “Memorie Con/fuse - Confusioni e condivisioni tra linguaggio e memoria’’. Venerdì 19 settembre, alle ore 16.00, si dibatte su “Parole e silenzi” e sabato 20, alle ore 11.00, su “Il linguaggio e il suo doppio”. Entrambi gli appuntamenti si tengono presso Palazzo Paolo V. L’idea di fondo è che l’esperienza della parola si muove in una relazione dinamica tra simbolico e semiotico, tra significato e suono, e mette in luce convergenze e divergenze tra forme di linguaggio diversificate, ma attraversate dall’uso della parola e del silenzio, suo compagno segreto. A conclusione delle due giornate di studi, è possibile richiedere l'attestato di partecipazione.