PALCOSCENICO IN CAMPANIA.it

Spettacoli - Eventi Culturali - Recensioni - Interviste

INFO@PALCOSCENICOINCAMPANIA.IT

a cura di MARIA RICCA, giornalista*

PARLIAMO DI...

06/02/15

LIMATOLA (BN) - Le domeniche 8,15 e 17 febbraio, venticinquesima edizione del Carnevale cittadino, con carri e sfilate

Festeggia la venticinquesima edizione, quest'anno, il Carnevale di Limatola. La manifestazione, organizzata dalla locale Pro Loco, si terrà nei giorni 8, 15 e 17 Febbraio. 
Il Carnevale limatolese si divide in quattro momenti: la sfilata di carri allegorici, che si tiene nel primo pomeriggio per le strade del paese, gli spettacoli in piazza, la lamentazione funebre e il funerale cui fa seguito la cremazione di Carnevale morto, che si tiene l’ultimo giorno. Il carro principe è quello gastronomico che sfilando per le strade del paese, distribuisce gratuitamente mortadella, pane cotto a legna, sarde, vino rosso delle colline caiatine e del Sannio beneventano.

 Gli spettacoli, che si tengono in piazza san Biagio, caratterizzano i festeggiamenti perché preparati appositamente per l’occasione dai limatolesi. Il dj Gianni Aragosa e la voice animation Raffaele Cristofaro intratterranno il pubblico tra uno spettacolo e l’altro. Non mancherà il gruppo musicale la “Formula K” diretto da Guido Giaquinto, i suonatori di botti, tini e falci: “'A battuglia nova” e il gruppo teatrale, che nell’ultimo giorno sarà impegnato nella lamentazione funebre e nel funerale. 
In piazza, con uno spettacolo dedicato al musical “Scugnizzi” si esibirà la scuola di danza “Gioia”, mentre la scuola “Sogno Danza” presenterà uno spettacolo di flamenco. I balli latino americani saranno proposti dalla scuola “Loca Dance”. Tra gli ospiti il Gruppo folk “Fontanavecchia” di Casalduni (BN). Non mancheranno delle sorprese dedicate ai bambini. 
Il Carnevale limatolese ha origini documentate risalenti agli anni Trenta del secolo scorso. In occasione della XXV edizione del Carnevale, la Pro Loco Limatola ha organizzato dei pacchetti per gruppi che prevedono la visita guidata del Castello medievale, con il pranzo in uno dei tredici ristoranti del territorio per scoprire la cucina locale.