PALCOSCENICO IN CAMPANIA.it



INFO@PALCOSCENICOINCAMPANIA.IT

a cura di MARIA RICCA, giornalista*

PARLIAMO DI...

17/04/15

EVENTI - Dario Vergassola presenterà il prossimo 30 aprile al S. Marco di Benevento, i 12 finalisti al "Premio Strega"

La scrittrice Melania Petriello e Nino Pascale di Slow Food interverranno alla manifestazione

Si affida alla conduzione insolita e brillante di Dario Vergassola, il prossimo 30 aprile, ore 18, al San Marco di Benevento, la presentazione dei dodici semifinalisti alla 69esima edizione del Premio Strega. Chi desidera intervenire alla serata potrà farlo, passando al bookshop di Palazzo Paolo V, da lunedì 27 a mercoledì 29, dalle 11 alle 13 e dalle 17 alle 19.  Nino Pascale, presidente nazionale di Slow Food e la giornalista e scrittrice Melania Petriello, sanniti doc,  discorranno, ciascuno dal proprio punto di vista, della tradizione dell’antico riconoscimento. Scopo quello di collegare il premio Strega all’Expò, nella consapevolezza che “la cultura – ha detto l’Assessore comunale Del Vecchio, in sede di presentazione a Palazzo Paolo V – è cibo non solo per il corpo, ma anche per la mente.” Sanniti sono anche gli autori del manifesto della 69 edizione del premio, ovvero Perino e Vele, come gli scenografi Italo Mustone e Fabio Melillo. All’incontro di illustrazione dell'evento hanno preso parte Alberto Foschini, Presidente di Strega Alberti e nel Comitato direttivo del premio e Stefano Petrocchi, direttore della Fondazione Bellonci. Com’è noto, dallo scorso anno è stato istituito un “Premio Strega Europeo”, al quale si è aggiunto un “Premio Strega Giovani”, che coinvolge le scuole (fra cui il Liceo “Giannone” di Benevento). Dodici dunque i finalisti che intereverranno: Vinicio Capossela, con “Il paese dei coppoloni” (Feltrinelli), Mauro Covacich, con “La sposa”,  Vins Gallico con “Final cut” (Fandango) Fabio Genovesi, con  “Chi manda le onde” (Mondadori),  Nicola Lagioia, con  “La ferocia” (Einaudi),  Wanda Marasco, con  “Il genio dell’abbandono” (Neri Pozza), Marina Mizzau, con  “Se mi cerchi non ci sono” (Manni),  Marco Santagata, con  “Come donna innamorata” (Guanda),  Clara Sereni, con  “Via Ripetta 155” (Giunti),  Paolo Zardi con “XXI Secolo” (Neo),  Zerocalcare, con  “Dimentica il mio nome” (Bao Publishing). Non ci sarà, nel segno dell’anonimato, volutamente cnservato sin dagli esordi, colui o colei che si nasconde (o forse no) sotto lo pseudonimo di Elena Ferrante, con “Storia della Bambina perduta”.