PALCOSCENICO IN CAMPANIA.it



INFO@PALCOSCENICOINCAMPANIA.IT

a cura di MARIA RICCA, giornalista*

PARLIAMO DI...

01/10/15

IL 2 OTTOBRE - Si presenta "AmbienteFaScuola", progetto per le scuole medie, promosso dall'Unisannio e dall'Istituto "Moscati" di Benevento

Innescare negli studenti più giovani la necessaria curiositas verso la cultura scientifica, onde provocare una scelta più consapevole e scientificamente più competente del percorso di studi di scuola superiore e, successivamente, universitario, stimolando la maturazione di future classi dirigenti, attente ai rapidi processi di cambiamento tecnologico, sociale, ambientale ed ai problemi ad essi correlati.
E’ il tema dell’ Idea-Progetto "AmbienteFaScuola", che verrà presentata venerdì 2 ottobre, alle 9,30, nell’Aula Magna del Dipartimento di Scienze e Tecnologie dell'Università degli Studi del Sannio (al quale afferiscono Corsi di Laurea di Area Biologica e Geologica[1]) in via Port’Arsa, nato con  l’impegno congiunto, didattico e formativo, del Dipartimento, retto da Fernando Goglia, direttore del Dipartimento di Scienze e Tecnologie dell'Università del Sannio e dell'Istituto Comprensivo "Giuseppe Moscati", retto dalla Dirigente Ernestina Cassese, promotore dell’iniziativa.
Oltre ai primi responsabili degli istituti, interverranno alla presentazione  Elena Silvestri, professore associato di Fisiologia"; Mariangela Calicchio, Leonilda Capasso, Antonella Fallarino, docenti dell'Istituto Comprensivo "Giuseppe Moscati"; Libera Esposito, professore associato di "Idrogeologia"; Domenico Cicchella, professore associato di "Geochimica"; Caterina Pagliarulo, ricercatore di "Microbiologia"; Alessio Valente, ricercatore di "Geologia stratigrafica". L'iniziativa si avvale anche dell'adesione del WWF Sannio, con il responsabile Camillo Campolongo . 
  Il Progetto potrà avere la durata di tre anni scolastici a decorrere dall'anno scolastico 2015/2016, coinvolgendo gli studenti iscritti alle prime classi della scuola secondaria di primo grado ed accompagnandoli, lungo un percorso didattico articolato in tre fasi, fino alla terza classe. pianificati per l’apprendimento di nuove conoscenze in ambito biologico e geologico e in merito all’utilizzo di strumenti scientifici per la ricerca e la conseguente produzione di elaborati. L'Idea-Progetto verte sullo studio dello status dei due fiumi della città, il Calore ed il Sabato. Saranno affrontate tematiche di carattere scientifico ad uso divulgativo per evidenziare i diversi aspetti dell'ecosistema, le metodologie di base atte ad analizzare lo stato di salute dei due fiumi e l'impatto antropico su di essi. Tali attività saranno supportate da tecniche di ricerca supportate da procedure di analisi in sito e di prove di laboratorio. Verranno così realizzati report, prodotti multimediali come mappe interattive e ipertesti, documentari e video, un opuscolo arricchito di grafici, tabelle e disegni (statistiche), oggettistica e/o plastico. Gli studenti avranno la possibilità di interagire con i Docenti universitari durante gli incontri . L’iniziativa, in linea con gli intenti della Riforma scolastica, che prevede l'introduzione della Educazione ambientale, con percorsi didattici differenziati per ogni livello scolastico, intende anche sensibilizzare  gli studenti alla tutela dell’ambiente naturale e antropico, alla salvaguardia della biodiversità e della complessità, alla diffusione della cultura della prevenzione dai rischi (Agenda 21, Conferenza di Rio, Protocollo di Kyoto); stimolare un consenso sociale e culturale verso l'Etica dell'Ambiente, come azione che promuove cambiamenti negli atteggiamenti e nei comportamenti sia a livello individuale che collettivo; aprire gli studenti a percorsi didattici non solo "frontali", ma soprattutto "empirici" e "sperimentali" attraverso attività di laboratorio. Ciò, visti anche i risultati delle Relazioni PISA e OCSE, secondo cui gli studenti italiani ottengono punteggi inferiori alla media OCSE nelle prove di matematica, lettura e scienze il livello medio di competenze in comprensione dei testi scritti lettura, in scienze ed in matematica in Italia resta basso rispetto ad altri Paesi.