PALCOSCENICO IN CAMPANIA.it

Spettacoli - Eventi Culturali - Recensioni - Interviste

INFO@PALCOSCENICOINCAMPANIA.IT

a cura di MARIA RICCA, giornalista*

PARLIAMO DI...

30/04/17

LIBRI - "Il dono della libertà" di Bruno Menna: il dovere di ricordare e la fatica di raccontare

di Maria Ricca

E’ “Il dono della libertà” quello più prezioso. Quello che assaporano, tornati a casa, Lelio ed Armando, sopravvissuti a quella mano diversamente nemica che li tenne prigionieri all’indomani dell’armistizio dell’8 settembre 1943. Ma sembra non esserci né tempo, né modo di raccontare quanto patito. “Di quel periodo
così ingombrante di storia nazionale nessuno ha mai voluto, con dovizia, indagarne il portato ed il lascito, la verità e la post-verità. Forse per rimozione collettiva o per coscienza sporca.” Così Bruno Menna, giornalista professionista nell’ultimo suo libro, “Il dono della libertà”, appunto, nono lavoro della collana “#Memoria#Identità#Futuro”.
Ed è attraverso le voci dei due ex commilitoni, rimasti in contatto nonostante i propri diversi vissuti, culturale e professionale, che l’Autore ricostruisce non solo i disagi e le miserie patite da entrambi, ma soprattutto quello che fu il loro ritorno alla vita, ben documentato nel libro,  attraverso la rievocazione dei diversi passi che lo Stato fece, al loro rientro in patria.

Eppure, tornati, dovettero subire la sorte tipica di chi  è ormai altro dalla propria realtà, lasciata troppi anni prima, per potervi essere ancora integrati. “Per tanti…si palesò il sentiero stretto e tortuoso del riconoscimento dello status, per conseguire un’occupazione o un sussidio che sancisse il pieno ed effettivo rientro nella vita civile.”, ricorda Bruno Menna. "Chi si sarebbe preoccupato della loro “Resistenza disarmata”?", afferma l’Autore, sottolineando come i reduci vivessero  il medesimo “frame” esistenziale, la “…convulsiva insonnia e la chiassosa solitudine di Gennaro, il protagonista di “Napoli Milionaria”, accerchiato dal branco che faceva tabula rasa, poltiglia, strame delle sue ambasce, perché voleva rompere i ponti, voltare la pagina, tagliare la corda, senza farsi carico del significato portentoso, immarcescibile, divinatorio, della “nuttata”, che doveva pur passare, portandosi via i fantasmi della dissoluzione, della decadenza…”. Insomma non c’era  posto per loro, delusi, che furono, si direbbe oggi,  “bannati, spammati, trollati da chi li considerava icone della sconfitta, tristi “emoji “dell’Italia che aveva perso tutto e stava scontando la pena”. Non stupisca il linguaggio realistico, quotidiano, tipico dei social, usato dal giornalista Menna, per descrivere quanto accadde: “E’ un tentativo di coinvolgimento dei più giovani, che pure qualcosa di più sui loro nonni vorrebbero (dovrebbero?) saperlo. “, dice.  
E il riconoscimento, infine, arrivò. Nell’autunno del 1960, mentre nei cinema si proiettava “Tutti a casa” di Luigi Comencini, con Alberto Sordi, che ricordava, con amarezza ed ironia, lo sbigottimento dei soldati italiani dopo l'armistizio, Lelio ed Armando ottennero, insieme con l’insegna ed il brevetto, l’agognata medaglietta: “In riconoscimento dei sacrifici sostenuti nell’adempimento del dovere”.  Negli anni Settanta sarebbe arrivato il “Distintivo d’Onore di Volontari della Libertà”, negli anni Ottanta, il “Diploma d’onore ai combattenti per la libertà d’Italia”, nel 2006, riconoscimento postumo, la medaglia d’onore ai cittadini italiani militari e civili, deportati ed internati  nei lager nazisti.
Meglio tardi che mai, chiosa l’Autore, che conclude il proprio libro, consapevole che solo ritrovando radici comuni si potrà continuare a sperare in un Paese migliore, solidale, plurale, dove mai più drammi del genere possano verificarsi.


E’ il modo per ricordare la necessità dell’abbattimento di muri e fili spinati, nell’ottica di una “communitas” pronta all’asilo dei migranti, che  cercano protezione, disponibile a non smarrire “la pietas e la fraternitas nel fango dei lazzaretti 2.0, quando non nella fossa senza senza cipressi del Mediterraneo…poiché la clandestinità è la via Crucis, di chi brama il futuro…aspettando  il dono della libertà.”