PALCOSCENICO IN CAMPANIA.it



INFO@PALCOSCENICOINCAMPANIA.IT

a cura di MARIA RICCA, giornalista*

PARLIAMO DI...

07/04/17

Mario Spallino racconta lo “Stupidorisiko” della guerra, nel comune senso… dell’orrore

L'attore Mario Spallino

Al Mulino Pacifico di Benevento, per "Obiettivo T", sabato 8 aprile


di Maria Ricca

BENEVENTO - Quando si dice il comune senso. . . dell’orrore. L’ultima strage in Siria, ad opera di gas tossici, è solo l’ennesimo atto di un orribile e grottesco spettacolo di morte. La reazione  degli Stati Uniti di Donald Trump non si è fatta attendere.
Ma se le immagini alle coscienze ormai non parlano quasi più, forse ancora qualcosa possono le parole, chissà. Ci credono, quelli di Emergency,  e ci crede Mario Spallino (nella foto), regista ed attore toscano, formatosi alla ”Bottega” di Gassman e poi con Gaber e i fratelli Taviani. E porta anche a Benevento, sabato 8 aprile, ore 20,30, nella rassegna “Obiettivo T” della Solot, al Mulino Pacifico, il suo “Stupidorisiko”, monologo tragicomico, denso di considerazioni sulla follia dei conflitti, nato per riflettere sulla storia contemporanea, delineando una geografia di guerra. Ingresso gratuito, previa prenotazione ai numeri 0824/47037 – 349 1491061.
Lo spettacolo nasce dalla collaborazione con Emergency , appunto, per celebrare i vent’anni dell’associazione fondata da Gino Strada, con testo e regia di Patrizia Pasqui, ed è realizzato dall’omonima compagnia diretta dallo stesso Spallino, che da anni propone allestimenti, anche nelle scuole,  sui temi cari alla ONG, come parte di una più ampia opera si sensibilizzazione sui conflitti bellici e  la povertà. 
Ma come nasce l’idea di questa collaborazione? “E’ sorta in un momento particolare – dice Spallino – Lavoravo con Marco Paolini, per un laboratorio sulla guerra e così ci è venuto in mente di usare l’arte antica del teatro per raccontarne il dramma. E questo spettacolo resta tuttora in Italia l’unico esempio di uso del teatro per parlare di questi argomenti.  L’idea del Risiko entra in un’ora di spettacolo, perché è il  gioco fondato, per eccellenza, sull’arte della strategia, dei grandi ragionamenti. Eppure è questo uno “Stupidorisiko”, perché i “geni” che progettano le guerre nel mondo sono tutt’altro che tali, anzi spesso commettono vere e proprie assurdità, giocano col sangue. Il titolo mette dunque insieme il gioco del Risiko, nel quale si conquistano territori nel mondo, appunto per gioco, e la stupidità che da sempre purtroppo governa le vicende umane.”
Spallino è solo in scena, alle spalle un planisfero su cui si animano idealmente i conflitti del Novecento, a cui lui cerca di trovare un senso logico, in un monologo di amara ironia.
Ma il senso, parafrasando Vasco Rossi, tutto questo non ce l’ha. Cosa può fare, quindi,  un attore? “Essere testimone di una cultura di pace, cosa che resta un privilegio straordinario, impagabile”, conclude Spallino. “Da anni – dice la Pasqui, infine - con Emergency diffondiamo l’idea che per creare la pace occorrono medici, medicine e giustizia, non la guerra.