PALCOSCENICO IN CAMPANIA.it



INFO@PALCOSCENICOINCAMPANIA.IT

a cura di MARIA RICCA, giornalista*

PARLIAMO DI...

23/07/19

IL PROGETTO – Le “Stregonerie” di Isabella Pedicini e Melania Petriello: un anno intero nel segno del riconoscimento letterario più ambito



di Maria Ricca

Se il primo sorso affascina e il secondo…Strega, come recitava un vecchio adagio, allora questa mattina nello spazio incontri e conferenze della Fabbrica Alberti, impossibile, sin da subito,  è stato resistere all’attrazione fatale per le “Stregonerie”  della scrittrice Isabella Pedicini e della giornalista Melania Petriello, che hanno presentato l’omonimo progetto, che mira a spalmare per l’intero anno gli effetti migliori del riconoscimento, nato a Roma,  nel 1947 da un’idea di  Maria Bellonci e di Guido Alberti, proprietario della casa produttrice del Liquore che vanta più tentativi di imitazione al mondo. E così, da settembre in poi, nei luoghi beneventani dove l’inconfondibile elisir dal colore giallo si produce, si alterneranno presentazioni di libri, incontri con le scuole,bookcrossing, mostre,  concerti e proiezioni cinematografiche.  
“Con "Stregonerie", "Premio Strega tutto l'anno", intendiamo aprire gli spazi della Fabbrica ad incontri letterari che pongano al centro gli autori più interessanti che hanno vinto nei diversi anni il Premio Strega, con la presentazione di libri e pubblicazioni affini ai temi  trattati e ispirati agli scrittori che ottennero il riconoscimento, per raccontarne la storia in maniera accattivante e compiuta. Ricostruendo la storia del Premio, ricostruiremo la storia del nostro Paese.”, ha sottolineato la scrittrice Isabella Pedicini.
Un incontro ogni trenta giorni o giù di lì, da settembre in poi, per affrontare, nel corso dei mesi,  i racconti di Elsa Morante e Alberto Moravia, di  Goffredo Parise, di Carlo Cassola, parlandone di volta in volta con nomi interessanti del panorama letterario, fra cui  Melania Mazzucco e Dacia Maraini. Vi sarà cinema all’aperto, con film tratti dai volumi vincitori, “book crossing” dei libri non vincitori, ma in gara ed egualmente appassionanti, spazi interessanti sui social, con “blogger” agguerritissimi, in primis “La Contessa Rampante”, appassionati di letteratura, che parteciperanno con le proprie riflessioni agli eventi, recensendo libri e organizzando incontri. Splendido il logo, disegnato da Aurora Lobina, rilettura in chiave moderna dei manifesti tradizionali legati al Premio.
“Era questa un’idea alla quale volevamo dare concretezza già da tempo e che ci ha unito sempre di più noi due, amiche e compagne dì avventura, diversissime fra noi, ma unite da sensibilità e passione per la cultura – ha ribadito Melania Petriello.  Abbiamo così immaginato di promuovere i diversi incontri, considerandoli per aspetto tematico e dedicandoli rispettivamente alla lingua italiana, alle migrazioni, agli amori, ai diritti delle donne. Collaboreranno al progetto anche il conduttore Pino Strabioli, Eva Giovannini, giornalista Rai, Giulia Garbi, conduttrice Sky, esperta di immobili e di cultura, che parerà del “Gattopardo”, e così via. In maggio, vi sarà un reading musicale  del Morgana Music Club e nella prossima estate, come detto, cinema all’aperto.” Molte le collaborazioni con enti ed associazioni culturali, fra cui l’ArTelesia Film Festival e la stessa Città Spettacolo che ospiterà a fine agosto il vincitore dello “Strega” di quest’anno, Antonio Scurati, in un’anteprima di “Stregonerie”.