PALCOSCENICO IN CAMPANIA.it



INFO@PALCOSCENICOINCAMPANIA.IT

a cura di MARIA RICCA, giornalista*

PARLIAMO DI...

05/08/19

LE BELLE LETTURE – Grazia Luongo- “Razi” e il suo “Arraccuntm”, vissuti e sentimenti della Benevento più vera


di Maria Ricca

“Arracuntm”. Sì, raccontami di quella volta che…Di quella persona, di quel luogo, di quell’emozione…Va dritta al cuore la poesia delle parole di Grazia Luongo, che narra, con passione e speranza,  la sua Benevento, nel volume edito per i tipi di Arturo Bascetta Editore, presentato lo scorso giugno in città, nella rassegna “StregArti” della Pro Loco Samnium.
Una dichiarazione d’amore, che si anima nello sguardo penetrante, che già in copertina, sullo sfondo dell’immortale Rocca dei Rettori, chiarisce l’intento dell’autrice, “artista poliedrica”, appassionata di pittura, di teatro e del sociale.
E così, via via, in un volume che si legge tutto d’un fiato, Grazia Luongo, “Razi”, in arte, tocca  l’animo di chi si avvicina alle sue liriche, frutto di una passione ereditata da Pellegrino, suo padre,  e nel tempo profondamente radicatasi in lei.
Il dialetto beneventano, l’idioma, da cui le quarantaquattro liriche prendono vita, è qui “nudo e crudo”, in queste poesie “sciolte”, dice l’Autrice,  e pertanto profondamente incisivo. Il guizzo emotivo alla radice di queste  poesie ritorna tutto negli affreschi vivaci, che la Luongo disegna della realtà e riporta dai suoi occhi su carta, anzi su Internet, da cui nascono quei post su Facebook, che ne testimoniano la genialità.
“Che v’è ‘na poesia? E’ ‘n’amica ca te vol bben…E’ nu cammin ‘e condivisione…”, dice la Luongo. con le persone del cuore. Come papà Pellegrino, “ ‘a scrittura toja, i m’arricord’, scriviv’, scriviv’, scriviv’. Addò capitava.”  Per non perdere il filo e “P’ chi nun sapev leggr, a vita e a verità:” (“Resilienza”). L’amore per il Teatro, ritorna nell’omonima lirica: “’O teatro, ‘a vita è vita: è teatro”, “Ma che v’aggia spiegà, che v’aggia dì,…sul chi prov e pel ‘nguoll, oppò capì…”, ricordando l’esperienza artistica vissuta qualche anno fa  e conclusasi con la realizzazione del video “Le trenta sorelle”, sulla leggenda delle janare, per la regia del video maker Fabrizio Martini.  E, ancora, l’attenzione al sociale: “Nun zò ciuciuliarie…E’ nuie chi simm, è nuie ca simm…S’adda tuccà chian’, co’ delicatezza, pecché stat’ tuccann l’anima e a fragilità…”. ”.
Infine,l’amore per la città delle Streghe e dell’ “Sdrega”, che, una volta, “Ir aspettà a Dicembre, p puté assaggià”:  “ Quant’ è nbella Bnvient, quand a vuard cu l’uocchie divers, cu l’uocchie n’anmmurat…quand da copp u cors t truov e facc a DURMIENT, cu sol ca t rir e chillu fil e vient, ca’ dic: chiur l’uocchie io stong ancora cca…”. La Bella Dormiente, simbolo immortale di Natura e Cultura…