PALCOSCENICO IN CAMPANIA.it

Spettacoli - Eventi Culturali - Recensioni - Interviste

INFO@PALCOSCENICOINCAMPANIA.IT

a cura di MARIA RICCA, giornalista*

PARLIAMO DI...

17/10/15

L'EVENTO - La Cardinale in città parla del "suo" cinema con Visconti e Fellini e presenta "Ultima fermata"

“Confermare o meno l’appuntamento in città con Claudia Cardinale? Il dubbio c’è stato fino alla fine. Poi ha prevalso il desiderio di dare un segnale di speranza, dopo l'alluvione che ha colpito la città.” Ha introdotto così, il regista Giambattista Assanti l’incontro tenutosi al Massimo di Benevento, con l’attrice Claudia Cardinale, all’indomani dei tragici accadimenti, legati all’esondazione del Calore. E la serata che ha visto al centro la presenza dell'interprete, intervenuta per presentare “Ultima fermata”, la pellicola diretta da Assanti, che resterà in sala fino a domenica 18 ottobre, si è arricchita di una raccolta fondi per le vittime dell'alluvione. Sono intervenuti anche  i produttori e l'attrice coprotagonista Francesca Tasini. La Cardinale, che ha ricevuto la targa "ArTelesiaFilm festival", ha ripercorso, per il pubblico, le sue vicende di grande interprete del periodo d’oro del cinema italiano, quando fu interprete per Visconti e per Fellini, suscitando interesse ed emozione in chi ricordava quei giorni e nei giovani che, per la prima volta, ascoltavano il personale “amarcord” dell’attrice, sempre nell’immaginario di tutti. Il film distribuito in tutta Italia da Claudio Bucci della Stemo film, è stato prodotto da Francesco Dainotti, Silvia Bianculli, Paolo Coviello e Enzo M. Iannone.

La colonna sonora è stata firmata da Paolo Jannacci, i Sineterra e la cantante napoletana Flo. Molti i riconoscimenti internazionali per questa semplice storia, che racconta la dismissione ferroviaria della tratta Avellino-Rocchetta S.Antonio attraverso un delicato e commovente segreto sentimentale, fra cui il  Taormina Film Fest, Avant Premiere Parigi, il PKO festival di Cracovia e infine il Premio come miglior film al Festival Interrnazionale di Siena, la cui giuria presieduta da Pupi e Antonio Avati lo ha designato tra i nove film italiani in gara.